Superbonus, bonus casa, ecobonus 2020

ecobonus
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin

Superbonus, bonus casa, ecobonus 2020

La Legge di Bilancio 2020 (n. 160 del 27.12.2019), per quanto riguarda il bonus casa per le ristrutturazioni edilizie, ha prorogato il bonus fiscale fino a un massimo di 96.000 Euro per unità immobiliare, nella misura del 50% per le spese sostenute entro il 31.12.2020.
Invariate le condizioni per poter beneficiare del bonus: detrazione IRPEF delle spese sostenute (ripartita in dieci quote annuali costanti) per interventi di ristrutturazione delle abitazioni e delle parti comuni negli edifici residenziali.

In particolare per le singole unità abitative sono compresi i seguenti interventi:
> Citofoni, videocitofoni  (Sostituzione o nuova installazione con le opere murarie occorrenti)
> Allarme/sistemi antifurto per interventi “relativi all’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi” (leggi di più sul bonus videosorveglianza)
> Telecamere per interventi “relativi all’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi” (leggi di più sul bonus videosorveglianza)
> Installazione apparecchi di rilevazione gas

Mentre per le parti condominiali:
> Allarme (riparazione con o senza sostituzione di alcuni elementi) come interventi “relativi all’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi”

Sempre confermato anche l’ECOBONUS con detrazione al 65% per gli interventi di risparmio energetico. In particolare, segnaliamo che se l’intervento per ottenere l’Ecobonus è effettuato insieme a uno degli interventi previsti dal decreto Rilancio 2020 (di 34/2020) sarà possibile sfruttare le agevolazioni previste dal Superbonus. Ecco quali sono:
1) Superbonus 110%
Detrazioni Irperf dovuta in cinque anni per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021.
Per beneficiare dell’aliquota al 110%, occorre che l’intervento eseguito sull’immobile permetta di ottenere un miglioramento di 2 classi energetiche ovvero, se non possibile, il conseguimento della classe energetica più alta da dimostrare mediante l’attestato di prestazione energetica, rilasciato da tecnico abilitato nella forma della dichiarazione osseverata.
2) Sconto immediato o cessione del credito per alcuni bonus
Sempre con il Decreto Rilancio torna lo sconto immediato o cessione del credito ai privati che realizzano lavori incentivati con i bonus ristrutturazioni, ecobonus e bonus facciate. Un’alternativa alla detrazione del 50-65%.

Per maggiori dettagli Vi segnaliamo “Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali” dell’Agenzia delle Entrate.

Lascia un commento

Articoli correlati